Il presidente Abdullah Gul ha firmato oggi la legge molto controversa –contestata non solo dall’opposizione  ma anche dalle organizzazioni per i diritti-  che rafforza il controllo del governo sulla magistratura proprio nel momento in cui è in corso un’indagine per corruzione che coinvolge il premier Erdogan. La nuova legge darà maggiori poteri al ministero della giustizia, in particolare rigardo alla nomina dei magistrati. Gul ha inoltre annunciato che dovrebbe sottoscrivere anche un altrettanto contestato disegno di legge: quello che rafforza il controllo dello stato su Internet.

26 febbraio 2014

Vai all'inizio della pagina