Ramón González de la Peña Gil 

Almeno 22 persone, per lo più soldati e poliziotti iracheni, sono stati uccisi e circa altre 80 sono rimaste ferite dopo una serie di attacchi contro i controlli di sicurezza in tutta  Baghdad. Lunedi mattina si sono verificati una dozzina di attacchi, apparentemente coordinati, in cui uomini armati con armi silenziate e automatiche, bombe e auto imbottite di esplosivi hanno colpito i punti di controllo, presidiati dalla polizia locale e federale, come pure dell'esercito nazionale iracheno. Nell'ultimo attacco, un'autobomba nel sobborgo settentrionale di Tarmiya a Baghdad, indirizzata a un ufficiale di polizia, ha ucciso tre persone e ferite altre 16. Una delle bombe, esplosa al passaggio di un pattuglia, ha ucciso anche due civili.

In attacchi in altre parti del paese, un'autobomba è esplosa in un mercato nella città di Suweira, provincia di Kut, uccidendo otto persone e ferendone altre 29. Un attentatore suicida il cui obiettivo era un checkpoint della polizia ha ucciso anche due persone nella città settentrionale di Mosul. Mentre altri 10 agenti di polizia sono stati feriti nella città occidentale di Falluja, in seguito all’esplosione di ordigni piazzati fuori dalle loro abitazioni. Gli attacchi, eseguiti entro poche ore l'uno dall'altro, hanno mostrato una nuova tattica usata dai combattenti anti-governativi nel paese.  “Questo è un messaggio per noi che ci possono attaccare in diverse parti allo stesso tempo, perché hanno cellule ovunque” ha affermato un portavoce del ministero dell'Interno.

Gli attacchi sono avvenuti solo due giorni dopo le notizie che il ministero della difesa iracheno stava pensando di costruire una "barriera di sicurezza" intorno alla capitale come un modo per arginare e controllare i movimenti dei combattenti anti-governativi. L'accesso alla città sarebbe controllato da otto posti di blocco, e la costruzione potrebbe essere completata entro la metà del 2011, hanno detto dall'emittente televisiva locale Al Iraqiyya. La violenza in Iraq è diminuita in modo significativo dal 2006 e il 2007, quando il conflitto settario del paese era al suo apice. Ma gli attacchi sono aumentati negli ultimi mesi, soprattutto a Baghdad. Le elezioni parlamentari nazionali del marzo 7 non hanno espresso un chiaro vincitore, e le continue dispute tra blocchi politici per formare una coalizione governativa hanno lasciato un clima di instabilità nella regione.

Le forze di sicurezza nelle ultime settimane hanno effettuato anche una serie di arresti di membri di alto profilo di Al Qaeda in Iraq. “Certo, le autorità stavano predicendo una reazione tale, avevamo visto un gran numero di attacchi di recente, ma questa è il più grave, non solo del numero dei morti, ma per la portata del coordinamento”, ha detto Mike Hanna, giornalista di Al Jazeera. “Sarebbe una risposta molto forte, se davvero si tratta di un gruppo di al-Qaeda che, nonostante il fatto che la loro leadership si è persa, sono ancora in grado di effettuare questi tipi di attacchi”.

10 maggio 2010

Vai all'inizio della pagina