Sonia Pereira 

Avigdor Lieberman, Ministro degli Esteri israeliano, ha incontrato il capo dei servizi di informazione egiziano Omar Suleiman a Gerusalemme. L'incontro, che è durato circa 50 minuti, è sfociato in un invito al leader israeliano per visitare l'Egitto. Secondo il quotidiano israeliano “Ha'aretz” questo incontro rappresenterà un cambiamento nelle relazioni fra i due paesi, poichè l'Egitto aveva annunciato il suo rifiuto a negoziare con Lieberman, dopo le dichiarazioni negative sull'autorità del Cairo.

L'anno scorso, Lieberman aveva affermato che il Presidente Egiziano Hosni Mubarak poteva “andare al diavolo” dopo che si era rifiutato di visitare Israele. Ma ora Lieberman ha espresso il suo “apprezzamento e rispetto” per il leader egiziano e per il ruolo dell'Egitto nella regione.

Omar Suleiman, che è stato coinvolto nei contatti indiretti fra Israele e Hamas, circa un cessate il fuoco e lo scambio di prigioneri, si è riunito anche con il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu e con il Ministro della Difesa Ehud Barak.

Dopo l'incontro, che si è tenuto nel ufficio del primo ministro, Suleiman e Lieberman hanno rilasciato una dichiarazione comune in cui annunciavano di avere concordato di “lavorare insieme” e sottolineando che le relazioni fra Israele ed Egitto sono vitali per mantenere la pace e la sicurezza nella regione. Le relazioni fra Egitto ed Israele sono diventate tese da quando il governo di Netanyahu ha assunto l'incarico, a causa della dura posizione del Primo Ministro in relazione alla Palestina, riguardo il rifiuto alla creazione di uno Stato palestinese.

23 aprile 2009

Vai all'inizio della pagina