Il dialogo di riconciliazione fra i partiti palestinesi, finalizzato alla formazione di un governo di unità, si svolgerà al Cairo il 1 aprile, dal momento che i colloqui della settimana scorsa non hanno portato a un accordo. I negoziati sul futuro politico della Palestina coinvolgono le fazioni Fatah, Hamas e Jihad islamica.

Secondo una fonte ufficiale di Fatah entrambi sia Fatah che Hamas cercheranno fortemente di raggiungere un accordo per la formazione di un governo di unità nazionale. La stessa fonte ha citato anche alcune delle questioni su cui le due parti divergono. Leadership, programma di governo, un nuovo Consiglio nazionale, la riforma degli enti statali a Gaza ed in Cisgiordania e problemi economici sono tra i temi discussi.

Ayman Taha ha detto che il gruppo è determinato ad assicurare i colloqui, ma respinge le richieste di Fatah di accettare gli accordi di pace firmati con Israele. Gli Stati Uniti, la UE e le Nazioni Unite non negozieranno con Hamas, a meno che essi respingano la violenza e riconoscano Israele.
Comunque Israele ha aperto temporaneamente due passagi per Gaza, permettendo così che 160 camion con aiuti umanitari, cibo e beni essenziali siano disponibili nella Striscia.

25 marzo 2009

Vai all'inizio della pagina