Il presidente libanese, Michel Sleiman, da oggi in visita ufficiale a Parigi, nell’arco dei prossimi tre giorni, affronterà quelle che sono le tematiche legate alle relazioni tra i due paesi. Questo è il primo viaggio di Michel Sleiman nella capitale francese da quando l’attuale presidente, Nicolas Sarkozy, è salito al potere nel 2007.

La Francia ha intenzione di ribadire il suo sostegno a favore degli accordi siglati l’anno scorso a Doha, quando le varie fazioni libanesi giunsero ad un compromesso in materia di composizione del governo, dello svolgimento delle elezioni e della riforma della legge elettorale. Accordi che, secondo il governo francese, potranno “dar luogo a una stabilizazzione dell’assetto istituzionale libanese e a un generale allentamento delle tensioni”.

L’esecutivo di Sarkozy si dichiara “Fiducioso nel futuro del Libano” e intenzionato a seguire da vicino la situazione economica e finanziaria del paese, dando vita ad una nuova dinamica dei rapporti tra Parigi e Beirut.  

16 marzo 2009

Vai all'inizio della pagina