Da sabato 26 settembre a martedì 29 il presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Riccardo Nencini, e il consigliere Marco Carraresi saranno in Libano, ospitati dal Contingente italiano del Sector West, per l’inaugurazione del centro polifunzionale di Marakah, nel sud del Paese. “Andiamo a inaugurare una struttura che abbiamo finanziato su proposta della Cellula di Cooperazione civile e militare di UNIFIL (Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite) – spiega Nencini -: è un intervento destinato in particolare ai giovani, che in terre ancora segnate dal conflitto del 2006 e attraversate pesanti tensioni hanno bisogno di formazione e possibilità di aggregazione”.

La missione è conseguenza dei primi contatti avviati in Libano nell’agosto 2007, quando Nencini visitò il contingente italiano UNIFIL a Tibnin ed ebbe modo di incontrare autorità locali e rappresentanti di Organizzazioni non governative italiane operanti sul territorio.
Il Consiglio Regionale Toscano collaborò per organizzare corsi di formazione per il personale della pubblica amministrazione nel sud del Libano. 

A giugno dello stesso anno la Toscana fu protagonista con l’Arpat della missione di cooperazione internazionale in Libano, con l'obiettivo di bonificare la zona inquinata dallo sversamento in mare di idrocarburi dopo i bombardamenti del luglio 2006. Quindicimila tonnellate di petrolio raffinato finirono in mare dopo l'esplosione dei contenitori di fianco alla centrale termoelettrica 30 chilometri a sud di Beirut.

Dal 27 al 30 aprile 2009 si è svolto  un evento gastronomico di rilievo che ha unito i due Paesi ancora una volta: la Fondazione Slow Food per la Biodiversità e la Regione Toscana ha partecipato ad Horeca e a Beirut a una delle più importanti manifestazioni fieristiche dedicate al settore alimentare nel Medio Oriente. Slow Food Beirut e Slow Food Toscana hanno siglato un accordo di cooperazione e mutua assistenza tra Mercati della Terra in presenza di S.E. l’Ambasciatore d’Italia a Beirut, Gabriele Checchia.

28 settembre 2009

Vai all'inizio della pagina