Alessandro Vanni 

A Firenze per ritirare il "Marzocco" in occasione dei venti anni di gemellaggio tra Firenze e Kuwait City, il vice premier e ministro degli Esteri del Kuwait Sheikh Mohammed Al Salem Al Sabah ha ricordato l'importanza dell'Italia durante l'invasione da parte dell'Iraq. "Il Kuwait non dimenticherà mai la scelta fatta dal vostro Paese quando si è schierata, sotto l'egida delle Nazioni Unite, per la difesa della legalità internazionale contro l'aggressione ingiusta e ingiustificata delle truppe di Saddam Hussein". Nel ringraziare Firenze per "un riconoscimento che mi onora" ha ricordato che la città "è sede dell'Associazione Italia-Kuwait, fondata dall'amico Pierandrea Vanni a cui siamo legati da stretti rapporti e che dal 1990 si è adoperata per sostenere il nostro Paese e il nostro popolo. Anche per questo ci sarà un collegamento più stretto in futuro con i nostri uffici".

Il presidente del consiglio comunale Eugenio Giani ha consegnato il Marzocco, uno dei più importanti riconoscimenti fiorentini, al vice premier, che ha aggiunto: "nonostante la crisi globale, i differenziali economici economici dell'Italia sono saldi. Noi siamo un piccolo Paese ma siamo grandi investitori e investiamo a lunga scadenza. Riteniamo l'Italia un Paese amico e affidabile. Anche per questo il nostro Fondo Sovrano, che e' il piu' vecchio al mondo, aprira' presto per la prima volta una sede a Roma''. A capo dell'ufficio di Roma della KIA, l'Autorità per gli Investimenti del Kuwait, sarà il professor Antonio Capuano, docente dell'Università di Perugia e consigliere del Presidente del Consiglio dei Minisitri per i Paesi del Golfo.

6 ottobre 2011

Vai all'inizio della pagina