Riportiamo l'intervista dell'Ambasciatore Italiano in Kuwait Enrico Granara al Kuwait Times 

Intervista del Kuwait Times all'Ambasciatore Italiano in Kuwait Enrico Granara sulla prossima visita dell'Emiro. "L'imminente visita di Sua Altezza l'Emiro Sheikh Sabah Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah in Italia sarà la prima di un Emiro kuwaitiano in 18 anni, un evento di grande rilevanza", ha detto ieri l'ambasciatore italiano Enrico Granara."Siamo molto, molto lieti della decisione dell'Emiro di visitare l'Italia perché è la prima visita di un Emiro kuwaitiano da 18 anni". L'ultima visita del capo di Stato del Kuwait era stata effettuata dall'Emiro precendete, Sheik Jaber Al-Ahmad Al-Sabah, dopo la liberazione del Kuwait, come parte di un giro europeo durante il quale aveva visitato i paesi alleati. "La visita ha un'importanza storica e speriamo che i rapporti bilaterali ne trarranno beneficio, perciò dobbiamo lavorare molto per questo evento. "
L'Ambasciatore ha poi sottolineato che la visita dell'Emiro in Italia avverrà pochi mesi dopo la visita da parte di S.A. il Primo Ministro Sheik Nasser Al-Mohammad Al-Ahmad Al-Sabah e prima della visita del Direttore dell'Autorità per gli Investimenti del Kuwait (KIA, Kuwait Investment Authority), Al-Saad di Bader.
"La venuta dell'Emiro è un chiaro segno della determinazione del Kuwait di rafforzare e ampliare la cooperazione in ogni campo con l'Italia" ha aggiunto l'Ambasciatore. L'Emiro incontrerà il Presidente italiano Giorgio Napolitano ed il Primo Ministro Silvio Berlusconi, e in seguito ospiterà i rappresentanti di aziende italiane. 
L'Emiro sarà accompagnato da una delegazione di esponenti dei settori pubblici e privati. "La delegazione kuwaitiana farà una presentazione del nuovo piano quinquennale alle controparti italiane, ricercando sia l'attenzione del Governo ma anche quella del settore privato, di come i commerci italiani possono essere associati a questo programma, che richiede un certo numero di progetti nel settore non solo degli idrocarburi ma dell'infrastruttura civile."

Ha detto che l'Italia è "molto soddisfata" dai programmi attuali e le occasioni che il Kuwait può offrire alle aziende italiane nel campo delle infrastrutture del gas e del petrolio, ma notando che è necessario progredire ancora di più in queste infrastrutture. "Speriamo che i principali attori italiani in questo campo siano incoraggiati dalla delegazione kuwaitiana ad ampliare la loro presenza in Kuwait. "
In termini di commercio bilaterale, Granara ha ricordato che l'Italia è il sesto paese in termini di esportazioni in Kuwait e che malgrado la recessione economica generale fra la seconda metà di 2008 e la maggior parte del 2009, "le esportazioni italiane in Kuwait sono diminuite di una bassa percentuale in paragone con altri paesi della regione e questo è un indicatore molto importante". Dal 2007 fino a metà del 2008, l'Italia ha ampliato le esportazioni in Kuwait ad una cifra di circa 836 milioni di Euro (circa un miliardo di dollari US).
Per quanto riguarda gli scambi commerciali, i dati sono complessi, poichè comprendono anche il lavoro fatto dalle aziende italiane nella costruzione delle infrastrutture che le autorità kuwaitiane hanno messo nell'offerta ed anche il trasferimento della tecnologia, insieme all'aumento nel potenziale economico del Kuwait. Un esempio della cooperazione economica bilaterale che coinvolge la tecnologia di trasferimento è rappresentato dall'impianto della Shuaiba Olefine dell'azienda di industria petrochimica (PIC), che è stata inaugurata da S.A. l'Emiro verso la fine di febbraio. Il sessanta per cento della costruzione dell'impianto è stato realizzato da un'azienda italiana e l'altro 40 per cento da un'azienda coreana.

L'ambasciatore ha detto che in campo politico, i punti di vista di Italia e Kuwait sono "convergenti" in quasi tutti gli eventi internazionali, compreso il tema del Medio Oriente e la situazione israelo-palestinese. "Sappiamo che il Kuwait ha un'alta considerazione per il ruolo che l'Italia può svolgere ad un livello multilaterale e suppongo che questo sarà un argomento di conversazione fra S.A. l'Emiro e le sue controparti italiane."
Oltre alla cooperazione politica internazionale a livello multilaterale, ha detto che il Kuwait e l'Italia hanno bisogno di trovare "più energie e risorse per ampliare il rapporto in altri campi.”, facendo riferimento agli accordi firmati sulle attività collaterali della visita di S.A. il Primo Ministro a Roma verso la fine di novembre 2009, compreso il memorandum operativo di trasporto æreo. Di conseguenza, Wataniya Airways comincerà ad operare tre voli settimanali per Roma dal 31 maggio, per il programma estivo che finisce il 30 ottobre. Vediamo questo come uno sviluppo molto interessante perché è destinato ad ampliare le nostre comunicazioni. L'Italia ed il Kuwait quindi saranno collegati settimanalmente su una base quotidiana - quattro voli di Kuwait Airways in codesharing con Alitalia e tre voli di Wataniya Aieways. Speriamo che questo collegamento aumenterà il numero di ospiti kuwaitiani in Italia e sarà una spinta notevole al nostro turismo bilaterale, " ha detto l'ambasciatore.
Un altro accordo firmato in novembre mirava ad ampliare l'accordo bilaterale nel campo della salute, il che ha però bisogno di protocolli supplementari dopo l'identificazione delle zone nelle quali questa cooperazione potrebbe avvenire. "Esiste già la cooperazione de facto nel senso che un certo numero di pazienti kuwaitiani stanno andando in Italia per trattamenti specifici, quale il trapianto di midollo per coloro che soffrono di talassemia." Inoltre, ha detto che l'Italia potrebbe svolgere un ruolo importante nelle ricerche sul diabete, notando che è stato fatto un tentativo in questo senso su iniziativa kuwaitiana due anni fa ma è stata infine sospesa.

22 aprile 2010

Vai all'inizio della pagina