Redazione 

CITTA' DEL VATICANO - Papa Benedetto XVI ha ricevuto ieri mattina il Primo Ministro del Kuwait, Sua Altezza Sheikh Nasser Mohammad Al-Ahmad Al-  Sabah, che poi ha incontrato il segretario di Stato vaticano, cardinale Tarcisio Bertone, accompagnato da monsignore Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati.

Il Primo Ministro ha portato in dona al Papa un antico manoscitto del Corano risalente a 600 anni fa ricevendo in cambio una stampa di Roma e la penna del Pontificato.

Il colloquio privato con il Pontefice è durato circa mezz'ora, e al termine Sheikh Nasser ha consegnato al Papa una lettera privata dell'Emiro del Kuwait, S. A. Sheikh Sabah Al Sabah, a testimonianza delle ottime relazioni tra i due stati.

Nel corso dei cordiali colloqui – informa un comunicato della Sala Stampa vaticana - si sono ricordate le ottime relazioni bilaterali ultraquarantennali tra la Santa Sede e il Kuwait e sono stati passati in rassegna alcuni temi di comune interesse, con particolare riferimento alla promozione della pace e del dialogo interreligioso nell’area Medio Orientale. In seguito, si è rilevato il positivo contributo che la significativa minoranza cristiana apporta alla società kuwaitiana, sottolineando la necessaria assistenza pastorale a tale comunità".

Il cardinale Bertone a fine colloquio ha detto che il Kuwait è un paese da prendere in esempio per il rispetto e la libertà che gode in materia di religione. Suhail Shuhaibar, Ambasciatore kuwatiano presso il Vaticano ha comunicato che la visita è avvenuta in un clima amichevole e caloroso.

Il Primo ministro kuwaitiano era accompagnato dai Ministri degli Esteri, della Giustizia, da due consiglieri, e dall'ambasciatore presso la Santa Sede. Terminati i colloqui la delegazione ha fatto un tour con il cardinale Bertone per la città del Vaticano, passando per i giardini e i musei vaticani.

24 novembre 2009

Vai all'inizio della pagina