Letizia Mancini 

L’Italia ha istituito una task force congiunta Ministero degli Esteri-Ministero dell’Economia che ha un ruolo di consulenza nel campo dei fenomeni tipici della globalizzazione, dello sviluppo sostenibile nei Paesi in via di sviluppo e dell'influenza dei fondi sovrani, mentre il Kuwait dal canto suo ha manifestato l’interesse a investire in Italia nei settori dell’energia e delle infrastutture.

Il programma giornaliero di Bader Mohammed al-Saad lo ha visto impegnato in un pranzo di lavoro nella sede della Confindustria, con i responsabili di numerose aziende, tra cui Ferrovie dello Stato, Fiat, Impregilo, Pirelli, Telecom Italia, Eni, Unicredit e Intesa San Paolo.

A fine incontro il ministro degli Esteri Frattini ha commentato soddisfatto che "C'è un grande interesse ad investire in Italia. Stiamo definendo dei settori d’investimento, energia ed infrastrutture in primo luogo, e questa è la prima tappa di un importante contatto con il fondo del Kuwait e altri fondi sovrani del Golfo". Il ministro ha anche aggiunto che "i Paesi del Golfo verranno tutti a Roma per un'intera settimana in ottobre. Sarà la prima volta che l'intero Consiglio di Cooperazione del Golfo si riunisce fuori dal Golfo, e sarà qui in Italia".

2 ottobre 2009

Vai all'inizio della pagina