Alessandro Vanni 

Regione Toscana, Ospedale Meyer, quotidiano La Nazione, Palazzo Medici Riccardi: ecco le tappe della visita fiorentina di S. E. l’Ambasciatore del Kuwait a Roma Walid Al Khobaizi  . Questa mattina l’incontro con il Presidente della Regione Toscana Claudio Martini, durante il quale l'ambasciatore ha ricordato il legame tra il suo Paese a Firenze, gemellata con Kuwait City fin dai temi della prima guerra del Golfo. 
 
Al Khobaizi ha rinnovato il suo apprezzamento per l'appoggio che l'Italia dette al Kuwait durante l'invasione e, in seguito, per la liberazione. 
Martini e Al Khobaizi hanno parlato delle vaste possibilità di scambi culturali ed economici che interessano Toscana e Kuwait. Recentemente Martini ha effettuato una missione a Abu Dhabi, a dimostrazione dell’esistenza di ampie possibilità di rapporti politici e diplomatici – oltrechè culturali - con l'area del Golfo. Alla Regione Toscana l'Ambasciatore ha inoltre espresso apprezzamento per l'opera svolta per la pace in Palestina e in particolar modo per l'azione umanitaria in favore dei bambini di Gaza che la Regione ha attuato insieme al governo italiano. Al termine della visita Martini ha donato all'Ambasciatore l'ultimo volume realizzato dalla Regione con una vasta documentazione fotografica sulle città d'arte e sulle bellezze storiche, culturali e ambientali della Toscana.  L'ambasciatore ha invece donato una scatola di dolci kuwaitiani, che a Martini hanno ricordato i profumi della Tunisia, paese nel quale è nato. Infine l'ambasciatore ha rivolto al presidente Martini un invito ufficiale a visitare il Kuwait.  
 
In seguito Al Khobaizi si è recato in visita al quotidiano La Nazione, dove ha incontrato il direttore Giuseppe Mascambruno. La Nazione - fin da subito – sostenne la causa kuwaitiana ai tempi dell’invasione irakena;  proprio il tragico fatto del 1990 è stato riprodotto in una delle prime pagine esposte per la mostra sui 150 anni del quotidiano a Palazzo Medici Riccardi. L’Ambasciatore ha visitato la mostra accompagnato dal Professor Cosimo Ceccuti, che ne ha illustrato i passaggi significativi. 
 
L'Ambasciatore, insieme alla moglie, ha infine effettuato una visita all'ospedale Meyer, dove sono  ancora ricoverati alcuni dei bambini palestinesi di Gaza, esprimendo la sua ammirazione per la qualità elevatissima della struttura e delle cure e dell’attenzione rivolta ai piccoli pazienti.

20 marzo 2009

Vai all'inizio della pagina